Horse Protection
Italiano English
Sport equestri: muoiono altri due cavalli. L’IHP: “Situazione intollerabile che continua nell’indifferenza generale. Chiederemo incontro alla FEI”

Sport equestri: muoiono altri due cavalli. L’IHP: “Situazione intollerabile che continua nell’indifferenza generale. Chiederemo incontro alla FEI”
(1 settembre 2014)

Continuano a morire cavalli, in questa stagione folle dove a tutti i livelli e in tutte le discipline gli animali diventano vittime di uno spettacolo, di un divertimento o di un business.
Gli ultimi due in Normandia, dove si stanno svolgendo i campionati del mondo di sport equestri.

Il 28 agosto il cavallo Dorado, durante una gara di Endurance*, ha sbattuto contro un albero entrando in una strettoia del percorso: il cavallo è morto sul colpo, mentre l'amazzone ha riportato fratture e lesioni ma è fuori pericolo.

Il 30 agosto, nella gara di Cross Country**, il cavallo Wild Lone si è accasciato al suolo dopo aver completato il percorso, morendo poco dopo. E andando ad allungare la tragica lista di cavalli deceduti in circostanze analoghe: Kregou Becourt, Liberal e altri (vedi gli articoli correlati, in fondo alla pagina).

In entrambi i casi salta agli occhi il dato relativo ai cavalli che non ce l'hanno fatta a concludere le gare. Nell'endurance, su 173 partenti, ben 135 non sono giunti all'arrivo: ritirati per problemi di salute, o eliminati perché alle visite tra una tappa e l'altra non sono stati considerati idonei a continuare.
Nel Cross Country, su 91 partenti, 9 sono caduti e altri 28 non hanno portato a termine il percorso.

“Questi numeri dovrebbero far riflettere la FEI sull'esasperazione a cui è giunto questo ambientedichiara Sonny Richichi, presidente IHP - che, pur di alimentare il suo spettacolo e la sete di agonismo, non risparmia ai cavalli non solo gare insostenibili, ma anche allenamenti intensivi e condizioni di vita ben lontane dalle loro caratteristiche etologiche. Senza contare i continui viaggi in van e in aereo, per un calendario di gare fittissimo. E che dire poi sulla preparazione di cavalli e cavalieri, spesso palesemente inadeguata?
Le tanto decantate regole della FEI a tutela dei cavalli non sono minimamente sufficienti, come appare evidente. Pertanto l'IHP chiederà un incontro per verificare la disponibilità ad effettuare dei cambiamenti sostanziali e concreti.”


* L'Endurance è una corsa di resistenza su percorsi di varia natura ed un chilometraggio che varia dai 30 ai 160 km a seconda delle categorie. Sono previsti controlli veterinari ogni 30-35 km.

** Il Cross Country è una prova di velocità su terreno vario, con superamento di vari tipi di ostacoli fissi che riproducono ostacoli che si potrebbero trovare in natura (laghetti artificiali, tronchi, fossi e così via).


ARTICOLI CORRELATI
Morte Kregou Becourt
Cavalli morti ippica, palii, sport equestri